Fondazione Insieme Per La Vista

News

Continua la sospensione della Nota 78 AIFA relativa alla presentazione del Piano terapeutico per la prescrizione dei farmaci anti glaucoma coperti dal SSN. L'AIFA in data 9 dicembre 2009 ha prorogato per ulteriori sei mesi la sospensione della Nota 78 di cui alla determinazione AIFA del 6 maggio 2009.

Avastin vs. Lucentis: resi noti i primi risultati dello Studio Kaiser che li mette a confronto. Il mese scorso la rivista Ophthalmology (edita dall'American Academy of Ophthalmology) ha diffuso i primi risultati dello studio, avviato su vasta scala da Kaiser Permanente in California, per mettere a confronto diretto i due farmaci, ranibizumab e bevacizumab, utilizzati in tutto il mondo per trattare la degenerazione maculare DMS nella forma umida.

I primi risultati dello studio clinico di confronto tra bevacizumab (Avastin) e ranibizumab (Lucentis) nel trattamento della degenerazione maculare su venti pazienti non evidenziano differenze sostanziali tra i due farmaci ma si devono attendere gli esiti di altri studi su un maggior numero di pazienti prima di giungere a conclusioni.

Le terapie per la maculopatia umida talvolta provocano un aumento della pressione oculare. Purtroppo sembra che in alcuni pazienti le terapie anti- VEGF (bevacizumab e/o ranibizumab) utilizzate per tenere sotto controllo la maculopatia di tipo umido aumentino la pressione dell'occhio, mettendoli a rischio di glaucoma.

Preservare la vista in età senile è una crescente preoccupazione degli Italiani: ben 53.000 persone hanno visitato nell’ultimo trimestre il sito della nostra onlus. La campagna online gratuita offerta da Google alla onlus è un grosso successo.

Pranzi di Natale: un’occasione per fare prevenzione contro le malattie degenerative della vista. Negli Over 65 il rischio della degenerazione maculare è ben superiore a quello di cancro alla prostata per gli uomini o di tumore al seno per le donne.

Le iniezioni intravitreali possono causare in alcuni casi un aumento della pressione oculare e il glaucoma. Uno studio americano condotto dal Dr Ron Adelman (Università di Yale) ha evidenziato che alcuni pazienti con degenerazione maculare hanno manifestato, dopo essere stati sottoposti a circa 7 iniezioni intraoculari con Avastin o Lucentis, una ipertensione oculare.

Buona notizia per chi soffre di maculopatia essudativa (umida). Forse in arrivo una nuova terapia topica. Se la sua efficacia verrà dimostrata potrebbe essere presto messo in commercio un nuovo farmaco sotto forma di collirio come alternativa alle attuali iniezioni intravitreali.

Avastin o Lucentis? Proseguono le ricerche. Durante l’annuale appuntamento dell’American Academy of Ophthalmologists, svoltosi due settimane fa in California, si è fatto il punto sulle sei ricerche in corso che hanno tutte come obiettivo il confronto tra Avastin e Lucentis, i due farmaci utilizzati nel trattamento della DMS. Ecco un breve aggiornamento:

Triplicati gli accessi in un mese: strepitoso successo all’avvio della Campagna pubblicitaria gratuita offerta da Google a Per Vedere Fatti Vedere onlus Se il buon giorno si vede dal mattino, sarà un vero e proprio boom la Campagna pubblicitaria offerta da Google al sito della onlus (www.pervederefattivedere.it): al suo primo mese di avvio, infatti si sono registrati oltre 16.000 accessi contro una media mensile di 5.000. Oltre 60.000 le pagine lette contro una media mensile di circa 12.000.